BLOG
Made HSE BLOG Ecologia e tutela ambientale

L’impatto odorigeno: il punto della situazione

impatto odorigeno_il punto della situazione_blog_hse formazione gruppo marcegaglia

L’inquinamento odorigeno, ossia l’immissione in atmosfera di sostanze inquinanti, non necessariamente pericolose per la salute della popolazione, ma caratterizzate da odore intenso o sgradevole, costituisce una causa importante di disagio ambientale in quanto compromette la fruibilità di ambienti, di luoghi residenziali e non, con conseguente peggioramento della qualità della vita.

Nella normativa nazionale ad oggi non è contemplata, per le emissioni odorigene, una disciplina specifica che fornisca metodi o parametri idonei a misurarne il disturbo né valori limite di riferimento.

Anche il Testo Unico dell’Ambiente (Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i.) nella parte quinta (“Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera”), non comprende esplicitamente l’inquinamento odorigeno limitandone la trattazione alla prevenzione ed alla limitazione delle emissioni delle singole sostanze caratterizzate solo sotto l’aspetto tossicologico.
 

Interventi normativi specifici si rilevano altresì a livello regionale.

La Regione Lombardia con D.G.R. n. IX/3018 del 15/02/2012, ha approvato le “linee guida per la caratterizzazione, l'analisi e l'autorizzazione delle emissioni gassose in atmosfera dell'attività ad impatto odorigeno” affrontando il problema in modo specifico e soprattutto dal punto di vista quantitativo definendo limiti di emissione e di esposizione, requisiti di rilevazione e campionamento degli odori ed altri aspetti utili allo svolgimento delle valutazioni della loro diffusione (modelli di dispersione).

Recentemente anche la Regione Piemonte ha approvato con D.G.R. n. 13-4554 del 09/01/2017 le “linee guida per la caratterizzazione ed il contenimento delle emissioni in atmosfera provenienti dalle attività ad impatto odorigeno” con contenuti analoghi a quelli già adottati dalla Regione Lombardia.

La tematica compare anche nei disposti del Codice Civile e del Codice Penale in termini di divieto di immissioni moleste tra cui anche le immissioni odorose.

In particolare, l’articolo 844 (immissioni) del Codice Civile prevede come soglia di riferimento la “normale tollerabilità”, precisando che l’autorità giudiziaria, nel valutare se l’immissione odorosa superi tale soglia, contemperi le esigenze di produzione con le ragioni della proprietà, anche tenendo conto della priorità d’uso. Viceversa, nel Codice Penale, l’articolo 674 (getto di cose pericolose) punisce il responsabile di emissioni di gas, vapori o fumo che cagionino molestie alle persone.

Pertanto in attesa di ulteriori strumenti normativi a copertura di tutto il territorio nazionale, la gestione dell’impatto odorigeno, laddove non ancora disponibili atti di indirizzo, si basa essenzialmente sulle linee guida già adottate dalle singole regioni in condivisione con gli Enti competenti.


Divisione Ambiente e Salute

© Copyright 2017 


Commenti


Tags
Agenti biologici Ambiente e salute Analisi chimiche Analisi latte Analisi microbiologiche Antincendio Apparecchi a pressione ATEX ATEX 2014/34/UE Attrezzature di lavoro Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) autorizzazione unica ambientale (AUA) Biogas Campi elettromagnetici Cantieri mobili Check-up macchine ed attrezzature D.Lgs. 81/08 Decreto COT (carbonio organico totale) Diagnosi Energetica Direttiva Macchine Direttiva Seveso DPI anticaduta DPR 151/2011 Ecologia Emissioni in atmosfera End of Waste (EOW) Energy Manager etichettatura miscele Gas serra Gestione delle emergenze Gestione rifiuti HSE DOCHUNTER HSEDOCHUNTER Idrocarburi nelle acque Igiene dei processi alimentari Igiene del lavoro Industria alimentare Infortuni sul lavoro Inquinamento International Union of Pure and Applied Chemistry ISO 14001:2015 IUPAC Jobs Act Laboratori di Analisi Lavori in altezza Lavori in quota Legionella Linee elettriche aeree Manutenzione impianti marcatura CE Marcatura CE macchine Marcatura CE PED Materia Prima Secondaria (MPS) Materiali da costruzione Movimentazione Manuale dei Carcihi Movimentazione manuale dei carichi Norma Tecnica UNI EN ISO 16911:2013 Norma UNI EN ISO 50001 PBC Policlorobifenili PED Piattaforme di lavoro mobili (PLE) Prevenzione incendi Procedure di sicurezza Qualità aria Qualità ISO 9001 Radiazioni ionizzanti Reg. 1278/08 (CLP) Regolamento CE 1223/09 RES-requisiti essenziali di sicurezza Rischio chimico Rischio elettrico Rischio industriale rilevante Schede sicurezza sicurezza sismica Sicurezza sul lavoro Sindrome da sospensione Sisma Sismabonus Sistema di gestione della Qualità Sistema di gestione della Sicurezza Sistemi di gestione Sistri Sovraccarico biomeccanico arti superiori Sovraccarico biomeccanico degli arti superiori Spazi confinati Standard SA 8000 Tavola periodica degli elementi Tutela ambientale UNI EN ISO 14120 UNI EN ISO 45001:2018 Valutazione dei rischi Valutazione del rischio sismico Valutazione rischi lavorativi Verifiche periodiche apparecchiature VOUCHER DIGITALIZZAZIONE Zonizzazione