BLOG
Made HSE BLOG Sicurezza sul lavoro
20 Settembre 2017 | Sicurezza sul lavoro

L’elicottero nei cantieri temporanei e mobili

L’uso dell’elicottero per diverse tipologie di attività, dalla gestione emergenze alla realizzazione di riprese aeree, dal trasporto carichi alla diffusione pubblicitaria, è regolamentato da norme specifiche che disciplinano le attività di Lavoro Aereo. Tali norme definiscono, oltre a tutti gli aspetti amministrativi, quali attività possono essere effettuate con l’ausilio dell’elicottero, i requisiti degli operatori addetti, le caratteristiche tecniche dei mezzi in relazione all’utilizzo e i requisiti delle apparecchiature e degli equipaggiamenti impiegati.

L’utilizzo di un elicottero in luoghi di lavoro definiti come cantiere (rif. Titolo IV D.Lgs.81/2008 e s.m.i.) può essere quasi indispensabile in caso di aree difficilmente raggiungibili e/o di attività di montaggio/smontaggio strutture; questa scelta è legata alle caratteristiche intrinseche di tale mezzo ovvero, in primis, l’elevata capacità di manovra e la velocità di spostamento. La scelta di utilizzare tale mezzo deve comportare obbligatoriamente considerazioni e scelte specifiche legate agli aspetti di sicurezza connessi; infatti l’arrivo di un elicottero in cantiere è origine di pericoli aggiuntivi rispetto a quelli già presenti legati sia alla presenza di persone e di opere provvisionali sia connessi alla tipologia di area di lavoro vista nella specifica ottica dei Lavori Aerei.

Allo scopo di evidenziare tali aspetti e di permettere una definizione delle attività organizzative e di coordinamento necessarie per ridurre i rischi connessi all’utilizzo di un elicottero in attività di cantiere, sono state elaborate dall’I.S.P.E.S.L. delle LINEE GUIDA “Valutazione dei rischi nei cantieri temporanei e mobili nei quali è previsto l’utilizzo di elicotteri” che mettono in luce gli aspetti da trattare nella redazione del PSC di cantiere e le specifiche attività da mettere in atto e verificare durante i lavori.

Tali LINEE GUIDA non trattano i rischi specifici delle attività eseguite tramite l’utilizzo di un elicottero, ma i rischi aggiuntivi connessi alle attività di cantiere presenti o in fase di allestimento e alle attività di carico/scarico materiali.

Nello specifico il PSC deve pertanto comprendere la valutazione di diversi aspetti e relative misure di sicurezza da adottare propri di attività svolte con l’ausilio di un elicottero, tra i quali è bene sottolineare i seguenti:

  • Area d’involo riferita al cantiere;
  • Fattori climatici;
  • Caratteristica dell’area di cantiere (presenza di immobili, fossati, alberi, lenee elettriche, ecc.);
  • Dislocazione zone di carico/scarico.

I rischi principali, conseguenti all’uso dell’elicottero, necessariamente da considerare sono i seguenti:

  • Caduta dall’alto di persone e/o materiali;
  • Elettrocuzione per cariche elettrostatiche;
  • Rumore;
  • Sbalzi eccessivi di temperatura;
  • Esposizione a contaminanti (solidi sollevati);
  • Urto con parti in movimento;
  • Spostamento incontrollato del carica.

Durante la gestione del cantiere devono essere messe in atto opportune verifiche sia preventive che in campo durante le fasi di allestimento e di coordinazione del cantiere stesso. 

Di seguito un elenco non esaustivo delle verifiche da effettuare.

Verifiche preliminari

  • Verificare che l’azienda esecutrice sia in possesso di tutte le autorizzazioni ministeriali necessarie per il tipo di lavoro al gancio previsto dal cantiere;
  • Verificare che il velivolo sia in regola con le manutenzioni necessarie (responsabilità del pilota);
  • Verificare l’idoneità del sistema di carico e l’imbracatura utilizzata (per l’imbracatura dei carichi utilizzare solo materiale certificato e conforme alla normativa vigente);
  • Informarsi preventivamente sul peso e sugli ingombri da trasportare e definire il sistema di aggancio più idoneo (tenere conto delle forze d’inerzia dovute alle accelerazioni del velivolo e alla resistenza del carico all’aria, sia per il moto dell’elicottero sia per lo spostamento d’aria dovuto al movimento delle pale);
  • Definire i sistemi di comunicazione con per lo svolgimento in sicurezza di tutte le operazioni: il personale a terra dovrà essere in continua comunicazione col pilota dell’elicottero.

Verifiche da effettuarsi prima del volo

Elicottero:

  • Verificare che la quantità di carburante sia sufficiente in relazione al volo da compiere;
  • Verificare il centraggio del carico in funzione del tipo di elicottero impiegato per il trasporto;
  • Verificare che il carico sia distribuito e vincolato correttamente;
  • Verificare la presenza della documentazione di bordo: certificato di navigabilità con relativi allegati, certificato di immatricolazione, licenza di stazione radio, nota assicurativa, manuale di impiego, quaderno tecnico di bordo, liste di controllo e foglio di carico e centraggio;

Area di atterraggio:

  • Definire l’area d’atterraggio e verificare che sia sufficientemente estesa e priva di eventuali ostacoli;
  • Prima dell’inizio dei lavori, l’Impresa dovrà sottoporre a verifica da parte del pilota il sito scelto per l’atterraggio e per le operazioni di carico;
  • L’area di atterraggio dovrà essere segnalata a terra con il simbolo di eliporto (H);
  • Informare i lavoratori affinché non mettano a rischio la propria e l’altrui sicurezza con comportamenti irresponsabili;
  • Predisporre con dovuto anticipo tutto quanto occorra per evitare manovre affrettate.

Verifiche da effettuarsi durante l’esecuzione dei lavori

Elicottero:

  • Durante il volo tutto il personale a bordo dovrà avere sempre allacciate le cinture di sicurezza;
  • Utilizzare l’elicottero nel rispetto delle norme e dei limiti specificati nel certificato di navigabilità e nel manuale di impiego;
  • Utilizzare correttamente i DPI: casco, guanti, cuffie o auricolari, occhiali paraschegge, impianto ricevente e calzature antinfortunistiche;
  • Tutte le manovre specifiche riguardanti l’elicottero, compreso l’apertura e la chiusura delle porte, dovranno essere effettuate esclusivamente dal personale
  • Verificare l’assenza di oggetti che possano essere spostati dalle turbolenze provocate dal rotore;
  • Accertarsi che non vi siano fuochi o persone che fumino nella zona di rispetto (raggio d’azione dei vortici d’aria);

Area di atterraggio:

  • I lavoratori esterni dovranno tenersi a distanza di sicurezza dall’elicottero, nel caso in cui ci si debba avvicinare farlo al termine delle operazioni d’atterraggio avendo la certezza di essere visti dal pilota;
  • Prestare particolare attenzione alle oscillazioni del carico in sospensione;
  • Utilizzare correttamente i DPI: casco, guanti, cuffie o auricolari, occhiali paraschegge, impianto ricevente e calzature antinfortunistiche;
  • Durante l’avvicinamento dell’elicottero non distrarsi, non volgere lo sguardo verso l’elicottero in avvicinamento, e prestare la massima attenzione al gancio di carico e ai lacci vuoti (prima di effettuare qualsiasi operazione, lasciare cadere al suolo i ganci di carico);
  • Dopo aver agganciato il carico dirigersi subito verso il settore di sicurezza, dare l’ordine di sollevamento solo dopo avere controllato che tutte le persone si trovino al sicuro e non effettuare altre operazioni o lavori prima che l’elicottero si sia allontanato;
  • Tutte le operazioni di carico e scarico del materiale dovranno avvenire sotto la stretta sorveglianza dell’assistente di volo preposto;
  • Tutti i carichi dovranno essere sollevati con cautela, evitando movimenti improvvisi e scoordinati;
  • Evitare di esporsi alle zone pericolose dell’elicottero ed in particolare al rotore di coda;
  • Verificare che non vi siano materiali personali non saldamente ancorati (caschi, borse, ecc.), in quanto tali oggetti potrebbero urtare contro il rotore o spinti in modo casuale contro persone o cose.

Divisione Sicurezza impianti e processi produttivi

© Copyright 2017


Commenti


Tags
Ambiente e salute Analisi chimiche Analisi latte Analisi microbiologiche Antincendio Apparecchi a pressione ATEX ATEX 2014/34/UE Attrezzature di lavoro Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) autorizzazione unica ambientale (AUA) Biogas Campi elettromagnetici Cantieri mobili Check-up macchine ed attrezzature D.Lgs. 81/08 Decreto COT (carbonio organico totale) Diagnosi Energetica Direttiva Macchine Direttiva Seveso DPI anticaduta DPR 151/2011 Ecologia Emissioni in atmosfera End of Waste (EOW) Energy Manager etichettatura miscele Gas serra Gestione delle emergenze Gestione rifiuti HSE DOCHUNTER HSEDOCHUNTER Idrocarburi nelle acque Igiene dei processi alimentari Igiene del lavoro Industria alimentare Infortuni sul lavoro Inquinamento International Union of Pure and Applied Chemistry ISO 14001:2015 IUPAC Jobs Act Laboratori di Analisi Lavori in altezza Lavori in quota Legionella Linee elettriche aeree Manutenzione impianti marcatura CE Marcatura CE macchine Marcatura CE PED Materia Prima Secondaria (MPS) Materiali da costruzione Movimentazione Manuale dei Carcihi Movimentazione manuale dei carichi Norma Tecnica UNI EN ISO 16911:2013 Norma UNI EN ISO 50001 PBC Policlorobifenili PED Piattaforme di lavoro mobili (PLE) Prevenzione incendi Procedure di sicurezza Qualità aria Qualità ISO 9001 Radiazioni ionizzanti Reg. 1278/08 (CLP) Regolamento CE 1223/09 RES-requisiti essenziali di sicurezza Rischio chimico Rischio elettrico Rischio industriale rilevante Schede sicurezza sicurezza sismica Sicurezza sul lavoro Sindrome da sospensione Sisma Sismabonus Sistema di gestione della Qualità Sistema di gestione della Sicurezza Sistemi di gestione Sistri Sovraccarico biomeccanico arti superiori Sovraccarico biomeccanico degli arti superiori Spazi confinati Standard SA 8000 Tavola periodica degli elementi Tutela ambientale UNI EN ISO 14120 UNI EN ISO 45001:2018 Valutazione dei rischi Valutazione del rischio sismico Valutazione rischi lavorativi Verifiche periodiche apparecchiature VOUCHER DIGITALIZZAZIONE Zonizzazione