Infortuni e responsabilità del datore di lavoro

Nel caso di un infortunio occorso ad un lavoratore inesperto, apprendista in una officina, colpito da una scheggia ad un occhio nel piegare un tondino di ferro, in quanto non indossava gli occhiali protettivi pur avendoli a disposizione, con la sentenza n. 536/2012, la Cassazione ha condannato il datore di lavoro per non avere adeguatamente vigilato e preteso, nemmeno attraverso il preposto, che tali occhiali venissero indossati.

La Cassazione ha dunque confermato la responsabilità del datore di lavoro affermando il principio che lo stesso datore di lavoro deve tutelare il lavoratore, non solo dagli incidenti derivanti dalla disattenzione di quest’ultimo, ma anche da quelli dovuti alla imperizia, negligenza ed imprudenza del lavoratore stesso.

Condividi linkedin share facebook share twitter share
Siglacom - Internet Partner
MADE HSE è compresa tra le aziende ritenute strategiche ed autorizzate a proseguire in questa fase di emergenza, ai sensi del DPCM 22 marzo Allegato 1.
Seguiamo con estrema attenzione l’evoluzione dell’epidemia del virus Sars-CoV-2 in atto in Italia da qualche settimana ed applichiamo rigorosamente i protocolli di sicurezza disposti a livello nazionale.
Siamo pienamente operativi sia da casa, che dall’ufficio, che dal laboratorio e, anche in queste circostanze di estrema difficoltà per tutti, ce la stiamo mettendo tutta per rispondere alle richieste di servizi della nostra clientela.
Approfondisci