Laboratori di analisi
Made HSE Laboratori di analisi Igiene dei processi alimentari Tracciabilità alimentare
 

Tracciabilità alimentare

SERVIZI PER LA TRACCIABILITA’ DI FILIERA NEL SETTORE DELL’ALIMENTAZIONE UMANA ED ANIMALE

Con l’entrata in vigore dei DM 27/5/04 e DM 14/1/05, nonché dei Regolamenti CE n°178/2002, 852/2004, 853/2004 e 854/2004, 882/2004 e 183/2005, si completa il processo di ristrutturazione degli obblighi di regolamentazione del delicato settore delle derrate alimentari commercializzate nell’ambito dell’Unione Europea.

Made Hse ha progettato un servizio di assistenza completa che consente ai soggetti obbligati di implementare presso la propria realtà produttiva il sistema di gestione degli obblighi vigenti, nonché di mantenere aggiornate le registrazioni da esso previste.

Operatori del settore mangimi 

Stesura del Manuale di corretta prassi igienica, con riferimento a:

  • controllo della contaminazione sotto forma ad esempio di microtossine, metalli pesanti, materiale radioattivo;
  • uso di acqua, residui organici e fertilizzanti;
  • uso corretto e appropriato di prodotti fitosanitari e biocidi e loro rintracciabilità;
  • uso corretto e appropriato di medicinali veterinari e di additivi dei mangimi e loro rintracciabilità;
  • preparazione, immagazzinamento e rintracciabilità delle materie prime dei mangimi;
  • adeguata eliminazione degli animali morti, dei rifiuti e degli scarti;
  • misure di protezione per prevenire l’introduzione di malattie contagiose trasmissibili agli animali per il tramite dei mangimi e obblighi di notifica all’autorità competente;
  • procedure, pratiche e metodi per assicurare che il mangime sia prodotto, preparato, confezionato, immagazzinato e trasportato in condizioni igieniche appropriate, compresi un’efficace pulitura e controllo dei parassiti;
  • dettagli legati alla tenuta di registri

Assistenza nella applicazione, gestione e mantenimento del sistema HACCP;

Identificazione delle misure di controllo delle contaminazioni pericolose quali quelle derivanti dall’aria, dal terreno, dall’acqua, dai fertilizzanti, dai prodotti fitosanitari, dai biocidi, dai prodotti veterinari e dalla manipolazione ed eliminazione dei rifiuti

Identificazione delle misure correlate alla salute delle piante, alla salute degli animali e all’ambiente che hanno implicazioni per la sicurezza dei mangimi, compresi programmi per il monitoraggio e il controllo delle zoonosi e degli agenti zoonotici.

identificazione delle misure per:

  • la pulizia e la disinfezione di locali, attrezzature, contenitori, casse, veicoli usati per la produzione, preparazione, vaglio, confezionamento, stoccaggio e trasporto di mangimi;
  • assicurare, ove necessario, condizioni igieniche di produzione, trasporto e stoccaggio dei mangimi e la loro igienicità;
  • l’uso di acqua pulita ove necessario al fine di prevenire contaminazioni pericolose;
  • prevenire, nei limiti del possibile, che animali e parassiti causino contaminazioni pericolose;
  • immagazzinare e manipolare i rifiuti e le sostanze pericolose separatamente e in modo sicuro in modo da prevenire contaminazioni pericolose;
  • assicurare che i materiali di imballaggio non siano fonte di contaminazione pericolosa dei mangimi;
  • tener conto dei risultati di tutte le analisi pertinenti effettuate su campioni prelevati da prodotti primari o altri campioni pertinenti per la sicurezza dei mangimi.

Predisposizione dei registri per:

  • ogni uso di prodotti fitosanitari e di biocidi;
  • uso di sementi geneticamente modificate;
  • ogni insorgenza di parassiti o malattie in grado di pregiudicare la sicurezza dei prodotti primari;
  • i risultati di tutte le analisi effettuate su campioni prelevati da prodotti primari o altri campioni prelevati a fini diagnostici aventi importanza per la sicurezza dei mangimi;
  • la fonte e la quantità di ogni mangime in entrata nonché la destinazione e la quantità di ogni mangime in uscita.

Esecuzione dei prelievi e delle analisi previste dal sistema di autocontrollo

Aggiornamento della documentazione di sistema.

Imprese diverse dalla produzione primaria

  • Elaborazione adeguati programmi di pulizia e controllo dei parassiti per gli impianti per la trasformazione e lo stoccaggio dei mangimi, le attrezzature, i contenitori, le casse, i veicoli e le loro immediate vicinanze;
  • Elaborazione di adeguati programmi di verifica periodica di impianti e attrezzature destinati a operazioni di miscelazione e/o produzione ed assistenza durante le verifiche stesse;
  • Controllo e verifica delle bilance e degli strumenti di misurazione utilizzati nella produzione;
  • Controllo e verifica dei miscelatori e dell’omogeneità delle miscele;
  • Controllo dell’adeguata illuminazione dei locali;
  • Predisposizione organigramma con definizione delle qualifiche e delle responsabilità del personale;
  • Stesura delle istruzioni scritte di informazione del personale sui suoi compiti, responsabilità e competenze;
  • Stesura delle procedure ed istruzioni per le diverse fasi della produzione
  • Individuazione misure tecniche/organizzative per evitare o ridurre al minimo, a seconda delle necessità, le contaminazioni incrociate e gli errori, pianificazione ed organizzazione dei controlli durante la fabbricazione;
  • Implementazione strategie di controllo per identificazione della presenza di mangimi proibiti, di sostanze indesiderabili e di altri contaminanti in relazione alla salute umana o alla salute degli animali;
  • Identificazione ed organizzazione delle strategie di gestione, controllo e smaltimento dei residui e dei materiali non adatti come mangimi;
  • Identificazione delle misure adeguate per garantire l’efficace rintracciamento dei prodotti;
  • Assistenza al laboratorio di controllo qualità;
  • Predisposizione del Manuale dell’autocontrollo per il controllo dei punti critici del processo di fabbricazione, i procedimenti e le frequenze di campionamento, i metodi di analisi e la loro frequenza, il rispetto delle specifiche e la destinazione, in caso di non conformità, dalle materie prime ai prodotti finali
  • Assistenza nell’attuazione del processo di controllo dei punti critici;
  • Esecuzione dei prelievi e dei controlli analitici previsti dal piano dell’autocontrollo e gestione dei relativi risultati;
  • Predisposizione della documentazione sulle materie prime utilizzate nel prodotto finale, al fine di garantire la rintracciabilità alimentare, da tenere a disposizione degli organi di controllo;
  • Assistenza nelle attività di prelievo, gestione e conservazione dei campioni degli ingredienti e di ciascuna partita di prodotto fabbricato e immesso sul mercato o di ciascuna porzione specifica di produzione;
  • Identificazione delle corrette modalità di stoccaggio, imballaggio e trasporto dei mangimi;
  • Elaborazione dei programmi per la pulitura di contenitori e attrezzature usate per il trasporto, lo stoccaggio, la movimentazione, la manipolazione e la pesatura dei mangimi;
  • Istituzione dei registri per i dati di acquisto, produzione, vendita, per un’effettiva rintracciabilità alimentare dal momento della ricezione alla consegna, compresa l’esportazione fino alla destinazione finale;
  • Elaborazione dei documenti relativi al processo di fabbricazione e ai controlli, ovvero del sistema di documentazione contenente i risultati dei controlli pertinenti, volto a definire e assicurare il controllo dei punti critici nel processo di fabbricazione e a stabilire e attuare piani di controllo della qualità.
  • Elaborazione dei documenti relativi alla rintracciabilità alimentare (additivi di mangimi, prodotti coperti dalla direttiva 82/471/CEE, premiscele, mangimi composti/materie prime per mangimi)
  • Implementazione e gestione del sistema di registrazione e trattamento dei reclami;
  • Implementazione del sistema di procedure per il rapido ritiro dei prodotti immessi nel circuito di distribuzione (destinazione prodotti ritirati, nuovo controllo qualità);

Operatori del settore latte

  • Stesura del “Manuale aziendale per la rintracciabilità del latte
  • Stesura del “Manuale aziendale per la rintracciabilità del latte alimentare fresco, finalizzato all’identificazione della provenienza ed all’etichettatura”
  • Controllo registrazioni e gestione moduli collegati (A1, CR1, CR2, CS1, CS2, CS3, S1, S2, S3)
  • Esecuzione dei prelievi e dei controlli analitici previsti dal piano dell’autocontrollo e gestione dei relativi risultati.

Operatori del settore alimentare

Implementazione del sistema HACCP di autocontrollo con stesura del relativo manuale e delle relative procedure; gli ambiti principali prenderanno in considerazione:

  • criteri microbiologici relativi ai prodotti alimentari;
  • procedure necessarie a raggiungere gli obiettivi fissati per il conseguimento degli scopi del sistema di autocontrollo;
  • requisiti in materia di controllo delle temperature degli alimenti;
  • mantenimento della catena del freddo;
  • campionature e analisi

Stesura del Manuale di corretta prassi igienica, contenente informazioni adeguate sui pericoli che possono insorgere nella produzione primaria e nelle operazioni associate e sulle azioni di controllo dei pericoli, comprese le misure pertinenti previste dalla normativa comunitaria e nazionale o dai programmi comunitari e nazionali. Esso farà riferimento in particolare a:

  • controllo della contaminazione dovuta a micotossine, metalli pesanti e materiale radioattivo;
  • uso di acqua, rifiuti organici e prodotti fertilizzanti;
  • uso corretto e adeguato di prodotti fitosanitari e biocidi e loro rintracciabilità;
  • uso corretto e adeguato di prodotti medicinali veterinari e di additivi dei mangimi e loro rintracciabilità;
  • preparazione, magazzinaggio, uso e rintracciabilità dei mangimi;
  • adeguata eliminazione di animali morti, rifiuti e strame;
  • misure protettive contro l'introduzione di malattie contagiose trasmissibili all'uomo tramite gli alimenti, nonché l'obbligo di informarne le autorità competenti;
  • procedure, prassi e metodi per garantire che l'alimento sia prodotto, manipolato, imballato, immagazzinato e trasportato in condizioni igieniche adeguate, compresi la pulizia accurata e il controllo degli animali infestanti;
  • misure concernenti la pulizia degli animali da macello e da produzione;
  • misure concernenti la tenuta delle registrazioni.

Predisposizione dei documenti e delle registrazioni adeguate alla natura e alle dimensioni dell'impresa alimentare al fine di dimostrare l'effettiva applicazione del sistema;

Aggiornamento della documentazione e delle procedure del sistema in caso intervenga un qualsiasi cambiamento nel prodotto, nel processo o in qualsivoglia altra fase.

Identificazione delle misure di controllo della contaminazione derivante dall'aria, dal suolo, dall'acqua, dai mangimi, dai fertilizzanti, dai medicinali veterinari, dai prodotti fitosanitari e dai biocidi, nonché il magazzinaggio, la gestione e l'eliminazione dei rifiuti.

Identificazione delle misure di controllo relative alla salute e al benessere degli animali nonché alla salute delle piante che abbiano rilevanza per la salute umana.

Elaborazione dei programmi per il monitoraggio e il controllo delle zoonosi e degli agenti zoonotici.

Esecuzione dei prelievi e dei controlli analitici previsti dal piano dell’autocontrollo e gestione dei relativi risultati.

Per gli operatori del settore alimentare che allevano, raccolgono o cacciano animali o producono prodotti primari di origine animale.

Questi sono i servizi di consulenza previsti da Made Hse:

Identificazione delle misure adeguate in riferimento a:

  1. pulizia e disinfezione impianti utilizzati per la produzione primaria e le operazioni associate, inclusi quelli utilizzati per immagazzinare e manipolare i mangimi;
  2. pulizia e disinfezione di attrezzature, contenitori, gabbie, veicoli, imbarcazioni;
  3. pulizia degli animali inviati al macello e, ove necessario, degli animali da produzione;
  4. utilizzo acqua potabile o acqua pulita;
  5. tutela della salute e formazione sui rischi sanitari per il personale addetto alla manipolazione dei prodotti alimentari;
  6. protezione contro la contaminazione da parte di animali e insetti nocivi;
  7. immagazzinamento e corretta gestione rifiuti e sostanze pericolose;
  8. prevenzione delle malattie contagiose trasmissibili all'uomo attraverso gli alimenti;
  9. Valutazione dei risultati delle analisi pertinenti effettuate su campioni prelevati da animali o altri campioni che abbiano rilevanza per la salute umana;
  10. Uso corretto di additivi per i mangimi e i medicinali veterinari.

Istituzione ed assistenza nella gestione dei registri relativi alle misure adottate per il controllo dei pericoli, da tenere e conservare a disposizione delle autorità competenti e degli operatori del settore alimentare che ricevono i prodotti le pertinenti informazioni contenute in tali registrazioni a loro richiesta, relativamente a:

  1. natura e origine degli alimenti somministrati agli animali;
  2. prodotti medicinali veterinari o altre cure somministrate agli animali, con le relative date e periodi di sospensione;
  3. insorgenza di malattie che possono incidere sulla sicurezza dei prodotti di origine animale;
  4. risultati di tutte le analisi effettuate su campioni prelevati da animali o su altri campioni prelevati a scopi diagnostici, che abbiano rilevanza per la salute umana;
  5. segnalazioni pertinenti sui controlli effettuati su animali o prodotti di origine animale.

Per gli operatori del settore alimentare che allevano o raccolgono prodotti vegetali, questi sono i servizi di consulenza offerti:

identificazione delle misure adeguate in riferimento a:

  1. pulizia e disinfezione di strutture, attrezzature, contenitori, casse di trasporto, veicoli, imbarcazioni;
  2. pulizia prodotti vegetali e condizioni igieniche di produzione, trasporto, magazzinaggio;
  3. utilizzo acqua potabile o acqua pulita;
  4. tutela della salute e formazione sui rischi sanitari per il personale addetto alla manipolazione dei prodotti alimentari;
  5. protezione contro la contaminazione da parte di animali e insetti nocivi;
  6. immagazzinamento e corretta gestione rifiuti e sostanze pericolose;
  7. Valutazione dei risultati delle analisi pertinenti effettuate su campioni prelevati da piante o altri campioni che abbiano rilevanza per la salute umana;
  8. Uso corretto di prodotti fitosanitari e i biocidi.

Identificazione delle adeguate misure correttive in caso di informazione su problemi individuati durante controlli ufficiali;

Istituzione ed assistenza nella gestione dei registri relativi alle misure adottate per il controllo dei pericoli, da tenere e conservare a disposizione delle autorità competenti e degli operatori del settore alimentare che ricevono i prodotti le pertinenti informazioni contenute in tali registrazioni a loro richiesta, relativamente a:

  • uso di qualsiasi prodotto fitosanitario e biocida;
  • insorgenza di qualsiasi malattia o infestazione che possa incidere sulla sicurezza dei prodotti di origine vegetale;
  • risultati di tutte le analisi pertinenti effettuate su campioni prelevati da piante o su altri campioni, che abbiano rilevanza per la salute umana.

Addestramento e formazione degli addetti alla manipolazione degli alimenti in materia d'igiene alimentare;

Addestramento e formazione del personale responsabile della gestione del sistema di autocontrollo sull'applicazione dei principi del sistema HACCP. 

 

Rintracciabilità alimentare HACCP - Laboratori di analisi chimiche e microbiologiche, igiene dei processi alimentari

 

© Copyright 2013