News ed Eventi
Made HSE News ed Eventi
Accordo Stato-Regioni del 07-07-2016, Accordo Stato-Regioni del 21-12-2011, Accordo Stato-Regioni del 22-02-2012, Acustica ambientale, Acustica degli edifici, Addestramento dei lavoratori, ambiente e salute, Ambiente Lavoro Bologna, Amianto, Analisi acque, Analisi acque di piscina, Analisi acque di processo, Analisi acque naturali potabili e industriali, Analisi acque potabili, Analisi amianto, Analisi chimiche, analisi degli alimenti, Analisi dei rischi, Analisi e classificazione dei rifiuti, Analisi inquinanti chimici, Analisi microbiologiche, Analisi OGM, Analisi rifiuti fanghi e terreni, Analisi zootecniche, Antincendio, Appalti, Appalti e Contratti Pubblici, Apprestamenti di sicurezza, Atmosfere esplosive ATEX, Audit ambientale, Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), Biogas, Bonifiche siti inquinati, Campionamenti di polveri gas e vapori, Campionatori prelievo aria, Cantieri temporanei o mobili, CLP, CONAI, Corsi attrezzature di lavoro, Corsi di aggiornamento e-learning, Corsi di formazione, Corsi di formazione sui rischi specifici, Corsi e-learning sicurezza sul lavoro, Corsi in aula sicurezza sul lavoro, Corsi on-line sicurezza sul lavoro, Corso addetti conduzione carrelli elevatori, Corso Addetti primo soccorso aziendale, Corso addetti squadra antincendio, Corso addetti uso carroponte, Corso dirigenti sicurezza sul lavoro, Corso HACCP, Corso lavoratori sicurezza sul lavoro, Corso piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE), Corso preposti sicurezza sul lavoro, Corso RLS sicurezza sul lavoro, Corso RSPP Datore di Lavoro, Corso RSPP/ASPP, Corso sui rischi di incidenti rilevanti, CPI, D Lgs 231/01, D.lgs. 50/2016, D.Lgs.152/06, Defibrillatori, Direttiva Macchine, Direttiva NEC, direttiva UE 2284/2016, Direttive ATEX, Dispositivi di Protezione Individuale, DLgs 231 2001, DLgs 231/01, dm 10 marzo 98, DM 24 dicembre 2015, Dochunter, Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), DPI anticduta, Due diligence ambientali, Due Diligence Salute e Sicurezza, ECHA, Ecologia, efficientamento energetico, EMAS, Emissioni in atmosfera, Esposizione a radiazioni ottiche artificiali, Esposizione agenti chimici, Formazione, Formazione dei lavoratori, Formazione on-line sicurezza sul lavoro, Formazione online, Gas Radon, gas tossici, Gestione delle manutenzioni, Gestione rifiuti, Hsedocfinder, HSEDOCHUNTER, Igiene del lavoro, INAIL, Indagini strumentali, Infortuni e quasi infortuni, Infortuni sul lavoro, Inquinamento atmosferico, ISO 45001:2018;, Laboratori di analisi, Laboratorio analisi chimico, Laboratorio analisi microbiologico, Lavori in quota, legge 68/2015, Marcatura CE, Modello organizzativo, Modello unico di dichiarazione (MUD), Movimentazione Manuale dei Carichi, norma ISO 45001, norma UNI EN ISO 14001, OHSAS 18001, open day Marcegaglia, Organi di Vigilanza e Controllo, Piano di emergenza aziendale, Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC), Piano Operativo di Sicurezza (POS), Piano Sostitutivo di Sicurezza (PSS), Prevenzione incendi, Procedure di lavoro, Procedure di sicurezza, RAEE, Rapporto di sicurezza, REACH, Rischi campi elettromagnetici, Rischio biologico, Rischio cangerogeno, Rischio chimico, Rischio da fulminazione, Rischio elettrico, Rischio esplosione, Rischio incendio, Rischio industriale rilevante, Rischio rilevante, RSPP esterno, Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), Sicurezza sul lavoro, Sistema di Gestione Ambientale, sistema di gestione UNI EN ISO 50001, Sistemi di gestione, Sistemi di Gestione della Sicurezza, SISTRI, Software gestionale salute e sicurezza sul lavoro, Sostanze cancerogene, Sostanze pericolose per l'ambiente, Stress lavoro correlato, Tutela ambientale, UNICHIM, Valutazione d'impatto ambientale (VIA), Valutazione dei rischi, Valutazione esposizione ai campi elettromagnetici, Valutazione esposizione alle vibrazioni, Valutazione impatto ambientale (VIA), valutazione rischio campi elettromagnetici, valutazione rischio incendio, Verifica impianti ed attrezzature, Verifica impianti elettrici, Videoprocedure di sicurezza sul lavoro, zero infortuni
 

Dati INAIL 2018 su infortuni e malattie

Gli infortuni registrati dall’INAIL nel 2018 sono stati poco più di 645.000, in leggero calo rispetto al 2017 (-0,3%), dei quali sono stati riconosciuti sul lavoro poco più di 409.000 (-4,3% rispetto al 2017). Tra questi, circa il 19% sono infortuni in itinere.

Per quanto concerne gli infortuni mortali, il 2018 ha fatto registrate un serio peggioramento rispetto al 2017: le denunce sono state 1.218, in aumento del 6,1% rispetto al 2017, delle quali i casi accertati sul lavoro ammontano a 704, che rappresenta il 4,5% in più rispetto al 2017. Rimane molto rilevante rispetto al totale, il fenomeno degli infortuni mortali che avvengono in itinere, che nel 2018 sono stati 421, ovvero circa il 60% del totale. Poiché sono ancora aperte le istruttorie per 35 casi, se questi ultimi fossero confermati, la percentuale degli infortuni mortali in itinere rispetto al totale, salirebbe quasi al 65%.

Per quanto concerne il 2019, nei primi cinque mesi è stabile il numero degli infortuni sul lavoro denunciati (269.431 contro 269.332, ovvero +0,04%) e rimane in tendenza all’aumento il dato dei casi mortali, che nello stesso periodo sono stati 2 in più (391).

Crescono anche le denunce di malattie professionali (59.500), +2,6% rispetto al 2017, per le quali, nel 37% dei casi è stata riconosciuta la causa professionale. Nonostante siano trascorsi molti anni dalla sua messa al bando, desta sempre molta impressione il dato dei lavoratori deceduti in conseguenza di patologie correlate all’esposizione ad amianto, pari a 1.177 persone, anche se in forte calo (-16,4%) rispetto al 2017. Sono poco meno di 1.400, le persone che nel 2018 si sono ammalate per le stesse cause.

Nei primi cinque mesi del 2019, anche il dato delle malattie professionali è in lieve aumento (27.385, 372 in più ovvero +1,4%).

Dopo diversi anni di calo costante, il 2018 ha dunque fatto registrare un’inversione di tendenza, che sembra mantenersi anche nell’anno in corso. Risulta necessario per tutti i protagonisti della prevenzione, dai datori di lavoro, ai dirigenti, ai preposti, ai medici, ai tecnici della sicurezza, agli organi di controllo, agli stessi lavoratori, anche attraverso le loro rappresentanze, applicare sempre maggiore impegno, rigore ed attenzione, per riportare il fenomeno degli infortuni e delle malattie professionali, verso una costante ed il più possibile veloce, tendenza alla diminuzione.

 

© Copyright 2019