Supporto
Made HSE Supporto Scadenzario
Accordo Stato-Regioni del 21-12-2011, Accordo Stato-Regioni del 22-02-2012, Acustica ambientale, Addestramento dei lavoratori, ambiente e salute, Amianto, Analisi acque, Analisi acque di piscina, Analisi acque potabili, Analisi chimiche, Analisi e classificazione dei rifiuti, Analisi inquinanti chimici, Analisi microbiologiche, Analisi rifiuti fanghi e terreni, Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), Bonifiche siti inquinati, CONAI, Corsi attrezzature di lavoro, Corsi di aggiornamento e-learning, Corsi di formazione sui rischi specifici, Corsi e-learning sicurezza sul lavoro, Corsi in aula sicurezza sul lavoro, Corsi on-line sicurezza sul lavoro, Corso addetti conduzione carrelli elevatori, Corso addetti uso carroponte, Corso lavoratori sicurezza sul lavoro, Corso piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE), Dispositivi di Protezione Individuale, DPI, DPI anticduta, Ecolabel, Ecologia, Emissioni in atmosfera, Esposizione agenti chimici, Formazione dei lavoratori, Formazione on-line sicurezza sul lavoro, Gestione rifiuti, Impatto acustico, Infortuni e quasi infortuni, Infortuni sul lavoro, Inquinamento atmosferico, Laboratori di analisi, Laboratorio analisi chimico, Laboratorio analisi microbiologico, Lavori in quota, Organi di Vigilanza e Controllo, Prevenzione incendi, Procedure di lavoro, Procedure di sicurezza, Rischi campi elettromagnetici, Rischio biologico, Rischio cangerogeno, Rischio chimico, Rischio da fulminazione, Rischio elettrico, Rischio esplosione, Rischio incendio, Rischio industriale rilevante, Rischio rilevante, Rumore, Sicurezza sul lavoro, SISTRI, Sostanze cancerogene, Tutela ambientale, Valutazione dei rischi, Valutazione esposizione ai campi elettromagnetici, valutazione rischio incendio, Valutazione rischio rumore in ambiente di lavoro, Valutazione rumore in ambiente di lavoro, Videoprocedure di sicurezza sul lavoro
 

 

Ottobre
31

Rumore - Fonti - Aereomobili - Relazione mensile inquinamento acustico aeroportuale

 


Adempimento:
Entro questa data le regioni devono trasmettere al Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare nonché al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, la relazione mensile sul monitoraggio del rumore aeroportuale. Ciò al fine di verificare il rispetto da parte degli eventuali voli notturni compresi nella fascia oraria dalle ore 23.00 alle ore 6.00 locali, dei requisiti acustici previsti dal capitolo 3, parte II, volume I, Allegato XVI, della Convenzione relativa all'aviazione civile internazionale, stipulata a Chicago il 7 dicembre 1944 e ratificata in Italia con legge n. 561/1956. Dalle citate prescrizioni risultano, comunque, esentati i voli di Stato, sanitari e di emergenza.

Soggetti:
Regioni.

Riferimenti normativi sanzioni:
PERIODICITA': mensile
PROSSIMA SCADENZA: 30 novembre 2015


Riferimenti normativi:

Decreto del Presidente della Repubblica 9 novembre 1999, n. 476
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 17 dicembre 1999, n. 295

Regolamento recante modificazioni al decreto del Presidente della Repubblica 11 dicembre 1997, n. 496, concernente il divieto di voli notturni.
Articolo 1
Limitazioni al traffico aereo notturno

1. L' articolo 5 del decreto del Presidente della Repubblica 11 dicembre 1997, n. 496, è sostituito dal seguente:
"Art. 5. - 1. A decorrere dal sesto mese dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, ovvero, nei casi di urgenza e necessità, nel termine più breve individuato per singoli aeroporti, con provvedimento motivato del Ministro dell'ambiente, di concerto con il Ministro dei trasporti e della navigazione, sono vietati i movimenti aerei civili negli aeroporti civili e militari, aperti al traffico civile, dalle ore 23 alle ore 6 locali.
2. Nel periodo notturno indicato al comma 1, deve essere assicurata l'agibilità dell'aeroporto per consentire i voli di Stato, sanitari e di emergenza.
3. Con decreto del Ministro dell'ambiente, di concerto con il Ministro dei trasporti e della navigazione, da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, possono essere autorizzati voli notturni diversi da quelli di cui al comma 2, con particolare riferimento ai voli postali e ai voli in ritardo.
4. Con decreto del Ministro dell'ambiente, di concerto con il Ministro dei trasporti e della navigazione, sentite le regioni e gli enti locali territorialmente competenti, possono essere autorizzati, per i singoli aeroporti, voli notturni diversi da quelli di cui al comma 2, ove venga accertato, dagli organi di controllo competenti, il non superamento della zona di rispetto A dell'intorno aeroportuale del valore di 60 dB(A) Lvan.
5. Il valore di esposizione di cui al comma precedente, da attribuire esclusivamente ai voli oggetto di limitazione, deve essere misurato, secondo le metodologie riportate nel decreto ministeriale 31 ottobre 1997, in corrispondenza di edifici abitativi posti nella zona A, di cui all'articolo 6, comma l, del medesimo decreto.
6. Ferme restando le procedure antirumore stabilite per ogni aeroporto dalle commissioni di cui al comma 1 dell'articolo 5 del citato decreto 31 ottobre 1997, i voli notturni, compresi nella fascia oraria dalle ore 23 alle ore 6 locali, diversi da quelli di cui al comma 2, devono essere effettuati con velivoli che soddisfino i requisiti acustici previsti dal capitolo 3, parte seconda, volume primo, dell'allegato 16 alla Convenzione relativa all'aviazione civile internazionale, stipulata a Chicago il 7 dicembre 1944, approvata e resa esecutiva con decreto legislativo 6 marzo 1948, n. 616 e ratificata con legge 17 aprile 1956, n. 561.
7. Per le finalità di cui al comma precedente, le regioni trasmettono ai Ministri dell'ambiente e dei trasporti e della navigazione una relazione mensile sul monitoraggio del rumore aeroportuale.". 

Importa nel tuo calendario